torrefazione Bristot

Cent’anni di caffè e passione

Il 2019 rappresenta per noi un traguardo importante: i primi cent’anni della torrefazione Bristot!

Come ci siamo arrivati?

Partendo dalla fine dell’Ottocento, quando la nostra famiglia si trasferì in Austria per difficoltà economiche: è proprio qui che Domenico Bristot, il maggiore dei figli, iniziò a lavorare come garzone, stringendo amicizia con un torrefattore che lo introdusse nell’affascinante mondo del caffè.

Con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, Domenico fu costretto a scappare da Vienna e decise di tornare in Italia: si unì così all’esercito italiano e partecipò alla battaglia di Caporetto, riuscendo poi a rientrare a Belluno, dove iniziò una nuova vita con una nuova attività.

E la torrefazione? L’idea nasce quando, gestendo un negozio di alimentari, Domenico si rese conto che il prodotto più venduto era il caffè, nonostante si vendessero i chicchi crudi per tostarli e macinarli in un secondo momento: un processo laborioso, che occupava ai clienti molto tempo. Ed è così che intuì le potenzialità di un nuovo business in provincia di Belluno e decise di aprire la torrefazione Bristot nel 1919, concentrandosi anche sulla macinazione del caffè.

Come continua la storia? Te lo raccontiamo nel prossimo articolo…

 

You May Also Like

caffè moka al negozio Bristot

Moka vs capsule: la sfida del caffè tra tradizione e modernità

caffè all'americana

Il caffè all’americana arriva a Belluno

miscela diciannove negozio bristot belluno

Riflettori puntati sulla Miscela Diciannove

Un pericolo nascosto nelle capsule di caffè